Home Page
Biografia
Specializzazioni
Corsi Professionali
Inchieste
Casi Clinici
Rassegna Stampa
Convegni - Conferenze
Parliamone insieme!
Pubblicazioni
Libri e PowerPoint
Vertici
Aggiornamenti E.C.M.
Attività di Volontariato
Att. Prof.le e Volontariato
Lo Studio
I Siti Amici
Privacy


Puoi trovare la Dott.sa Ceccherini anche su:

Facebook

Blogger

Youtube

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

Specializzazioni - Sessuologia Clinica
Ti trovi in: Specializzazioni > Sessuologia Clinica

"La salute sessuale è l'integrazione degli aspetti somatici, affettivi, intellettuali e sociali dell'essere sessuato in modo da pervenire ad un arricchimento della personalità umana della comunicazione dell'amore"
(O.M.S.)


"La sessualità è in'idea-forza, la sessualità è un dono da interpretare, la sessualità è un programma vitale da definire"
(Angela Bottani)


Indice degli argomenti:
Che cos'è la sessuologia?
Che cos'è dunque il sesso?
Che cos'è la sessualità?
Quante e quali sono le aree di interesse della sessuologia clinica?
L'educazione sessuale
Quali sono i principali argomenti di un'educazione sessuale?
Alcune fra le principali disfunzioni sessuali dell'uomo e della donna
Vediamo in breve le varie disfunzioni sessuali citate sopra
Che cos'è un orgasmo?
Disfunzioni sessuali femminili
Disfunzioni sessuali maschili
Psicoterapia Sessuale

Che cos'è la sessuologia?
E' lo studio scientifico del sesso e della sessualità


Che cos'è, dunque, il sesso?
Il dizionario di psicologia di Arthur S. Reber ci dice:

1) Il sesso è ognuna delle due forme che si trovano nella maggior parte delle specie viventi, quella maschile (che caratterizza i produttori di spermatozoi) e quella femminile ( che caratterizza i produttori di cellule uovo).

2) L'insieme delle caratteristiche che possono essere utilizzate come caratteri distintivi per l'identificazione del maschio e della femmina.

3) Il processo, considerato in senso lato, della riproduzione.

4) Gli aspetti di piacere e soddisfazione legati alle attività sessuali.


Che cos'è la sessualità?
Sempre secondo l'autore sopra citato, la sessualità…..

1) … è in generale, tutti quegli aspetti della struttura mentale e del comportamento di un individuo che sono relativi al sesso. La maggior parte degli autori usano il termine limitatamente al sesso, ma alcuni vi includono anche la predisposizione a provare amore e affetti profondi.

2) Lo stato di chi ha un sesso e delle funzioni sessuali.

"Educare significa guidare, condurre: e dovrebbe essere appunto questo. Imparare è esaltante, non sei obbligato a sapere tutto. Ci faremo da guida a vicenda"
(Leo Buscaglia)



Quante e quali sono le aree di interesse della sessuologia clinica?
Le aree di interesse sono molteplici e vanno dalla propedeutica educazione alla sessualità fino ad arrivare alle disfunzioni sessuali sia di carattere organico che psicologico.




L'Educazione sessuale
Rappresenta le fondamenta della sessualità, come dire che tutto comincia da lì. Essa rappresenta una vera e propria esigenza per la popolazione, ed in particolare per i giovani.
L'educazione sessuale, come qualsiasi altro tipo di rapporto umano, trova il suo primo momento nella famiglia. Questa basilare opera educativa, oltre che alla famiglia, si estende poi progressivamente, con l'evoluzione del bambino, alla scuola e alla società, che devono prenderne coscienza al fine di determinare un armonico sviluppo della persona. Altre fonti di informazione in materia sessuale sono gli amici, i mass-media in genere, giornali, medico di famiglia e/o specialista, ecc.
Di fatto una sana, tempestiva e corretta educazione sessuale può dare kla possibilità all'uomo e alla donna di programmarsi una vita sessuale felice, superando possibili conflitti istintuali e i comuni pregiudizi, ancora presenti nella società.
"E' necessario - afferma Fabio valli - che una buona educazione sessuale debba non solo informare ma formare". In una mia personale inchiesta, realizzata circa 10 anni fa in due delle principali città d'Italia: Firenze e Napoli, tesa ad individuare quale era il livello di educazione sessuale in una popolazione adulta. Ebbene, alla domanda "dove hai acquisito le tue informazioni sulla sessualità?", il 95% del campione (il questionario di 22 domande è stato distribuito a 3000 persone) ha risposto che "le informazioni sulla sessualità le aveva ricevute dai coetanei". E' indubbio che questo dato si commenta da solo e ci dice in maniera inequivocabile quale era all'epoca il livello di educazione sessuale di una popolazione adulta.
Da svariati decenni, in quasi tutti i Paesi d'Europa, si è avvertita, con estremo ritardo rispetto alle esigenze umane, la necessità di portare nella scuola l'educazione sessuale vista o come informazione dei processi biologici inerenti la riproduzione oppure soltanto come conoscenza delle metodiche anticoncezionali o ancora come completamento della preparazione dei giovani come considerati nella globalità della persona.

L'Inghilterra è stata la prima nazione a considerare l'educazione sessuale come necessaria alla educazione globale dell'individuo e alla sua formazione morale.
La Svezia, è dagli anni 60 che ha reso obbligatorio l'insegnamento nelle scuole, considerando quali argomenti di interesse l'anatomia umana, la psicologia sessuale, il controllo delle nascite e l'etica.
La Germania Federale, segue a ruota le orme della Svezia e l'Ente Centrale per la Pedagogia Sessuale e la Sanità Pubblica fornisce opuscoli agli insegnanti con indicazioni e metodo e di didattica per una educazione sessuale nelle scuole.
In Norvegia e in Danimarca l'educazione sessuale è inserita nel programma di biologia.
In Finlandia i programmi sono inseriti nell'educazione sanitaria, nella religione, nella biologia, psicologia ed economia domestica.
In Belgio un decreto reale del gennaio 1974 promuove "la campagna di informazione in materia di contraccezione". La Jugoslavia e l'Ungheria si sono occupate della contraccezione.
In Svizzera vari cantoni hanno preso l'iniziativa di inserire nei testi scolastici la riproduzione umana, lasciando all'insegnante il compito di prepararsi, mentre a Ginevra una sezione speciale di Educazione sanitaria è stata incaricata dall'istruzione Pubblica a fare corsi di educazione sessuale nelle scuole del cantone.
La Francia nel 1973 volle introdurre l'educazione sessuale nelle scuole, ma la circolare è stata ricevuta senza entusiasmo dagli educatori.
In Italia prima che l'educazione sessuale entri nelle scuole passeranno due guerre.
Ovunque in Europa la preparazione degli educatori è avvenuta grazie alla buona volontà dell'autodidatta o di associazioni o enti privati. L'informazione generale ma esatta di una sana educazione sessuale è compito e dovere di tutta la società (stato, enti locali, scuola, famiglia, ecc.).
(Angela Bottani, Educazione alla sessualità, Ed. Ancora, Mi, vol. 1 pag. 11-12)


Quali sono i principali argomenti di una educazione sessuale?
- Generalità
- Apparato sessuale maschile e femminile
- Gli ormoni regolatori dello sviluppo
- La mestruazione
- Menopausa e andropausa
- Fisiologia del rapporto sessuale
- Attività sessuale in gravidanza
- Attività sessuale in età avanzata
- Procreazione
- Fecondazione artificiale
- La fecondazione naturale genitale maschile e femminile.
- I metodi antifecondativi
- Gli stadi dello sviluppo sessuale
- I fattori influenzanti la fertilità e la sessualità
- I vari comportamenti sessuali
- Disfunzioni sessuali
- Le parafilie o perversioni sessuali (Es. sadismo, masochismo, voyeurismo, pedofilia, incesto, zoofilia erotica, feticismo, la pornografia o pornolalia, ecc.).
- La violenza sessuale
- Le malattie a trasmissione sessuale (Es. le Trichomoniasi, Chlamydia, Papillonoma Virus (conditomi), la gonorrea, Herpes genitalis, la Sifilide, le infezioni da Virus dell'epatite B, l'ulcera molle, il Virus dell'AIDS. Tutte queste infezioni possono provocare sterilità, aborti, cecità, lesioni della cervice uterina, deturpazioni dei genitali, cancro e morti.


Alcune fra le principali disfunzioni sessuali dell'uomo e della donna
Della donna:

- Disfunzione orgasmica primaria e/o secondaria
- Il vaginismo
- La dispareunia
- Frigidità
- Assenza di desiderio
- La ninfomania


Dell'uomo

- Eiaculazione precoce
- Disfunzione erettiva (Impotenza)
- Assenza di desiderio
- Eiaculazione ritardata
- Satiriasi e priapismo


Vediamo in breve le varie disfunzioni sessuali citate sopra:
Il normale rapporto sessuale puņ essere disturbato, alterato o addirittura impedito, nel suo normale svolgimento, da una serie di condizioni anormali: si parla allora di disfunzioni sessuali. Queste condizioni anormali possono essere di ordine fisico o psichico e possono riguardare entrambi i sessi.


Che cos'è un orgasmo?
Fischer (1973):"L'orgasmo è un lasciarsi andare, una perdita di controllo, un abbandonarsi alla sensazione sessuale. Mentre l'eccitazione sessuale cresce, la realtà sembra offuscarsi, la percezione diminuisce e l'individuo perde contatto con ciò che lo circonda"
Masters e Johnson (1970) ritengono che la disfunzione orgasmica sia dovuta ad un condizionamento psicosociale e a ciò che essi definiscono "l'influenza biofisica" di colei che la percepisce.
Il condizionamento psicosociale comprende, l'ortodossia religiosa, assenza di educazione sessuale, mancanza di una identificazione con il partner sessuale, l'impotenza maschile, ecc.
Le influenze biofisiche comprendono l'apprezzamento e le risposte del senso e del tatto e della situazione (elementi romantici e affettivi).


Disfunzioni Femminili
Disfunzione orgasmica primaria (femminile)
Si ha disfunzione primaria quando una donna non ha mai raggiunto nessun tipo di orgasmo attraverso la stimolazione sessuale. Tale condizione è stata anche definita "di stato preorgasmico", il che indica la possibilità di un eventuale cambiamento.

Disfunzione orgasmica secondaria (femminile)
Si ha disfunzione secondaria quando la donna è capace di raggiungere l'orgasmo attraverso l'autostimolazione o attraverso la stimolazione manuale o orale dei genitali da parte del suo partner sessuale, ma non attraverso il rapporto o, ancora, quando la donna è stata in grado di raggiungere l'orgasmo nell'atto sessuale in passato, ma ha successivamente perso questa capacità per un motivo o per l'altro.


Il Vaginismo:
E' una contrazione involontaria spastica, dolorosa dei muscoli (a volte anche quelli pelvici e perineali) che circondano l'orifrizio vaginale: il rapporto sessuale viene ostacolato o, nei casi peggiori, impedito per l'impossibilità di introdurre il pene o anche la sola esplorazione manuale (es. visita ginecologica). E' dovuto essenzialmente ad uno stato di ipersensibilità e di ipereccitabilità delle pareti vaginali. L'ingresso vaginale e lo stesso canale della vagina si chiudono, tanto da non consentire l'accoppiamento. Questa situazione è dovuta essenzialemnet ad una vera e propria "nevrosi sessuale", che si esprime nel rifiuto inconsapevole del coito.


La Dispareunia:
O coito doloroso
, derivante principalmente da particolari condizioni locali ginecologiche. Ciò vale per entrambi i sessi, ma, soprattutto, per la donna. Quando il coito doloroso si riferisce alla donna si è solito chiamarlo col termine "dispareunia".

Dispareunie primitive nella femmina:
Sono quelle che si manifestano all'inizio della vita sessuale. Le cause possono essere diverse: - Una malformazione anatomica congenita degli organi genitali, es. insufficiente sviluppo
- eccessiva ristrettezza del canale vaginale
- difetti di posizione dell'utero e delle ovaie (retro-deviazioni uterine o prolasso ovario)

Coito doloroso nel maschio:
- La fimosi, ovvero, ristrettezza dell'anello prepurziale che, impedendo al glande di fuoriuscire, ostacola l'atto sessuale e lo rende doloroso,
- Eccessiva brevità del frenulo prepurziale. Questi due casi possono essere risolti con un piccolo intervento chirurgico.

Più gravi sono, invece:
- L'epispadia e l'ipospadia. Vere e proprie malformazioni in cui l'uretra sbocca, anziché all'estremità del glande, sopra o sotto di esso.

Dispareunie secondarie:
Insorgono a un dato momento della vita sessuale che, fino ad allora, era stata del tutto regolare. Tutte le malattie che colpiscono l'apparato genitale, sia maschile che femminile, e che, provocando dolore sono in grado di ostacolare il rapporto sessuale, rientrano in questa categoria: Vulviti, vaginiti, conditomi acuminati, bartolinite (infiammazione della ghiandola del Bartolino, ecc.

Anche le infiammazioni dei genitali interni (cerviciti, annessiti, uretriti) possono essere causa di coito doloroso.


Frigidità':
La frigidità è una disfunzione sessuale femminile, forse la più tipica e frequente, caratterizzata dalla marcata diminuzione, fino alla completa assenza, del desiderio sessuale e della sensibilità erotica. La donna frigida soggiace all'amplesso in modo passivo, senza né provare piacere né provare orgasmo. I casi di completa frigidità sono meno frequenti. Direi che è molto più frequente la pseudofrigidità.
Per meglio comprendere questa disfunzione sessuale possiamo dividere la frigidità in quattro categorie:

Frigidità completa o totale - Manca non solo la capacità di raggiungere l'orgasmo, ma anche il semplice desiderio sessuale.

Frigidità incompleta - Esiste il desiderio sessuale, anzi può essere anche intenso, malgrado ciò la donna non è in grado di raggiungere l'orgasmo.

Frigidità parziale - L'orgasmo non è raggiungibile con il normale amplesso, ma lo può essere mediante altri atti sessuali, es. la masturbazione.

Frigidità relativa - Quando si verifica solo in particolari circostanze: disposizione interiore, influenza negativa dell'ambiente, timore di una gravidanza indesiderata, ecc.
- Le cause della frigidità sono numerose e varie. Si dividono in due grandi gruppi; cause psichiche e cause organiche. Le prime sono generalmente legate all'influenza dell'educazione e dell'ambiente, provocando un rifiuto inconscio all'atto sessuale. Le seconde sono conseguenze di vere e proprie malattie o alterazione delle ghiandole sessuali, degli organi genitali esterni e dell'organismo nel suo complesso. Il primo gruppo è indubbiamente il più numeroso.


La Ninfomania:
Ipererotismo femminile. Nei casi più gravi, oltre ad alterare la stessa personalità della donna, può essere dannosa alla salute, portando ad un esaurimento delle forze psicofisiche.
Alla base di questa disfunzione sessuale può esservi uno squilibrio ormonico, di tipo costituzionale, a carico dell'ipofisi e più raramente delle ovaie. Più raramente deriva da fattori tossici o malattie vere e proprie. La ninfomania è stata definita anche "furore uterino". Si tratta di una rara affezione psicosessuale e si riscontra nelle donne nevrotiche, affette da evidenti squilibri nervosi e psichici. La ninfomania non esprime affatto insaziabilità sessuale, ma insoddisfazione.
La ninfomane è di fatto una frigida che, paradossalmente, ricerca l'atto sessuale anziché fuggirlo.

Disfunzioni sessuali Maschili
Disfunzione dell'erezione (Impotenza maschile) Si definisce impotenza l'incapacità del maschio di ottenere e/o mantenere una valida erezione tale da consentire la penetrazione vaginale e, di conseguenza, un rapporto sessuale completo. L'impotenza può essere episodica e del tutto casuale per cause contingenti e saltuarie: in questo caso rappresenta un disturbo erettivo che non comporta particolari terapie, ma solo la rimozione delle cause momentanee che hanno provocato l'episodio.
L'impotenza sessuale può avere un'origine organica o psichica.


Impotenza Psicogena:
- Nevrosi
- Psicosi
- Problemi di coppia
- Problemi sociali.


Impotenza Organica:
L'impotenza organica può derivare da molti fattori. Vediamone alcuni:

Umorali dismetaboliche:
- Diabete
- Insufficienza renale cronica

Umorali Tossiche:
- Etilismo
- Tossicodipendenza

Iatrogene:
- Da farmaci metabloccanti, diuretici
- Antipertensivi, antiulcera
- Antipilettici, ecc.

Disendocrine

Extragonadiche:
- Adenoma ipofisario
- Prolattino secernente
- Acromegalia
- Sindrome di Cushing
- Morbo di Addison

Gonadiche

Primitive:
- Anarchia congenita
- Castrazione
- Sindrome di Klinefelter

Secondarie:
- Ipopituitarismo
- Sindrome di Kalman

Forme organiche

Vascolari:
- Prossimali
- Distali

Nervose:
- Midollari Congenite e/o acquisite
- Extramidollari

Locali:
- Induratio penis plastica
- Incurvamenti congeniti del pene
- Patologia vasculogenica peniena

Patologia vasculogenica peniena
- Ipoafflusso arterioso
- Accelerato scarico venoso
- Blocco completo o incompleto dello scarico venoso


Eiaculazione Precoce:
Una disfunzione assai frequente, esclusiva dell'uomo. Consiste in un raggiungimento eccessivamente precoce dell'orgasmo da parte dell'uomo. A seconda dell'entità della disfunzione se ne possono distinguere diversi gradi.

Eiaculazione accelerata:
- Quando avviene 2 o 3 minuti dall'inizio del rapporto sessuale.

Eiaculazione precipitata
- Quando avviene dopo un solo minuto o anche meno dall'inizio del rapporto sessuale.

Eiaculazione "ante portas" (dal latino "davanti alla porta").
- In questo caso l'intervallo è di pochi secondi e avviene ancor prima della penetrazione in vagina.

Fra le motivazioni troviamo, ad esempio, astinenza protratta del rapporto sessuale, con periodi prolungati di masturbazione, un'emotività psichica, una sensibilità esasperata, un'ipereccitabilità psichica. Fra le cause organiche, rare del resto, troviamo, soprattutto nelle persone di una certa età, l'eiaculazione precoce può derivare da un'insufficienza ormonica testicolare (carenza di testosterone). Le cause sono comunque prevalentemente psicologiche.


Satiriasi e Priapismo:
La satiriasi è il corrispettivo, sotto molti aspetti, della ninfomania femminile.
Fa caso a sé una particolare forma di ipersessualità maschile: il priapismo. Consiste in una persistente erezione del pene, quasi sempre dolorosa, non causata né accompagnata da desiderio sessuale, né conclusa da un'eiaculazione. Il priapismo si distingue in:

- Priapismo episodico o intermittente
- Priapismo permanente

Il priapismo episodico intermittente.
Si verifica quasi sempre in soggetti anziani affetti da ipertrofia prostatica (ingrossamento della prostata), che, causando per compressione un ristagno di urina in vescica e di sangue nei corpi cavernosi del pene, impedisce a quest'ultimo di rilassarsi. Nel giovane può essere presente su base nevrotica.

Priapismo permanente
Può dipendere da lesioni o malattie del sistema nervoso centrale, sia cerebrale che midollare.

(Tratto da: Quello che ancora non sai sul sesso, Fabio valli, De vecchi Editore, pag. 141)


Psicoterapia Sessuale
"Credo sinceramente che ognuno di noi abbia un grande, incredibile potenziale d'amore; ma è amore in potenza e, come tutte le cose in potenza, se non viene realizzato, se non viene tradotto in pratica, non serve a molto". "Ciò che è essenziale è veramente dentro di voi. Ma dentro c'è un buio spaventoso e non è facile cercare nell'oscurità. Nessuno insegna come fare. Non ci sono corsi sulla vita, non ci sono corsi sull'amore, non ci sono corsi intitolati "mi sento solo".
(Leo Buscaglia)

La psicoterapia sessuale rivolge la sua attenzione alla interazione della coppia in termini disfunzionali relazionali e psico-patologici.
Per meglio comprendere la sua applicazione pratica racconto di seguito due casi clinici nei quali sono stati utilizzati più metodi psicoterapeutici, tra cui, appunto, la psicoterapia sessuale.

Il primo, è una psicoterapia individuale e di coppia. L'originalità di questo intervento terapeutico consiste nell'aver risolto le problematiche dei due figli tramite le prescrizioni che di volta in volta suggerivo ai due genitori. Personalmente non ho mai visto i due bambini. Dai racconti dei genitori però, risultava che avessero vari problemi, tra cui, come vedremo, l'emarginazione scolastica del figlio con tanto di insegnante d'appoggio. Il caso si è risolto felicemente per tutti e quattro i componenti della famiglia.
(Inserire il caso di Adele e Giuseppe) Il secondo è un caso di omosessualità e di sindrome compulsiva ossessiva.

Dott.sa Francesca Ceccherini